19 Settembre 2016

19 Settembre 2016

in assenza per motivi di lavoro dell’amico Nicola Salvioli, mi accingo al non facile compito di aggiornarvi sulla conviviale del 19 Settembre. Mese rotariano intensissimo con inusuale frequenza dei Soci, presenti alla serata, 111 tra soci ospiti ed un congruo numero dei nostri ragazzi del Rotaract, richiamati evidentemente non solo dal piacere di stare insieme, ma anche dall’interesse della relatrice. Tempo strano a Firenze, con improvvisi acquazzoni, smessi giusto in tempo per il consueto aperitivo all’aperto di Villa Viviani che ancora una volta ha consentito ai Soci di ritrovarsi dopo le vacanze. Numerosi i Soci e gli ospiti per ascoltare la conferenza di Antonella Mansi che si è tenuta nella sala grande della villa, dove l’acustica non può definirsi ideale; pur con questa limitazione la conferenza è stata seguita in silenzio e con grande attenzione. Il curriculum vitae di Antonella Mansi era già stato comunicato ai Soci e mi limito ad una breve sintesi. Entrata in giovane età come Consigliere di Amministrazione/Dirigente nell Azienda di Famiglia Nuova Solmine, dopo essere stata presidente di Confindustria Toscana dal 24 Maggio 2012 è Vicepresidente di Confindustria Nazionale con Delega all’Organizzazione. Numerosi gli incarichi nelle Aziende di famiglia, oltre ad essere stata Presidente della Fondazione MPS e di Banca Federico Del Vecchio. Nel dicembre del 2009 è stata insignita dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano dell’onorificenza di Cavaliere al Merito del Lavoro della Repubblica italiana. Nel suo intervento si è soffermata sullo scenario economico nazionale che pare mostrare segni di debole ripresa. Anche se la crescita appare modesta, vi sono segni che fanno ben sperare rispetto al passato. il panorama economico internazionale è destabilizzato dall’andamento del dollaro e del petrolio, tuttavia appaiono palesi le evidenze positive del “Job’s Act”con circa 400.000 contratti a tempo indeterminato. Numerosi gli interventi dei Soci e degli ospiti. Alla serata ha partecipato, fra gli altri anche il padre di Antonella Mansi, Luigi con la moglie Katia, Presidente del RC Grosseto. Spero di essere stato abbastanza preciso nel ricordare l’evento, anche se è difficile rendere l’atmosfera di profondo interesse e di amicizia che hanno potuto sperimentare i presenti, ulteriore prova, se mai fosse necessario, che la frequenza nel Rotary non è un “optional’
a cura di Marco ingiulla