Luciano Mecacci ci racconta dei besprizornye, i bambini russi rimasti orfani